New to site?


Login

Lost password? (X)

Already have an account?


Signup

(X)

Blog

HomeNewsPerché parlare di unioni civili?

Perché parlare di unioni civili?

01
Apr 2017

Un amico mi ha chiesto: “Perché parlare di unioni civili?” E caspita, prima di rispondere ci ho pensato. Vale la pena scrivere questo contributo che mi è stato chiesto, un po’ banalmente? Perché lì per lì la domanda ti spiazza un po’, ma alla fine è giusto rispondere. E così ho provato a buttare giù uno schemino. Perché parlarne ancora? Per i 30 anni di promesse frustrate culminati con una legge mutilata sulla parte di chi più ne aveva bisogno: i bambini. Perché la legge necessaria anche se mutilata è arrivata solo nel 2016. Perché, anche se ottimo punto di partenza, non può essere punto d’arrivo. Dobbiamo continuare a parlarne per difendere un diritto acquisito e per ottenere quello che manca, dobbiamo raccontare la società che già esiste contro le balle del Family Day e soprattutto non possiamo lasciare la rete solo a chi tratta l’omosessualità come una malattia da curare. Non è un caso l’ostilità degli integralisti cattolici contro la trasmissione “Stato Civile” di Rai3 Trasmissione che non inventa nulla, ma che si limita a narrare ciò che che gIà esiste. Un giorno, in un attimo di lucidità, Adinolfi ebbe a dire ”le leggi fanno cultura”. Mai frase più azzeccata. Contro il pregiudizio, solo la cultura è medicina infallibile. Ecco perché occorre raccontare la verità. La verità delle copie che già esistono, che già si amano e che già crescono amorevolmente i loro figli. È un nostro dovere morale raccontare la società contro chi pensa che la legge crei nuove realtà, mentre in realtà altro non fa che normare realtà esistenti.


Leave A Comment

Leave A Comment